Il “Don Giovanni” di W.A.Mozart

7 06 2011

Il Don Giovanni (titolo originale: Il dissoluto punito ossia il Don Giovanni, K 527) è un’opera lirica, in due atti, del compositore salisburghese Wolfgang Amadeus Mozart. È la seconda delle tre opere italiane che egli scrisse su libretto di Lorenzo Da Ponte, un librettista dell’epoca al servizio dell’imperatore d’Austria; essa precede Così fan tutte (K 588) e segue Le nozze di Figaro (K 492). L’opera venne composta tra il marzo e l’ottobre del 1787, quando Mozart aveva 31 anni.

Commissionata dall’imperatore Giuseppe II essa non andò tuttavia in scena per la prima volta a Vienna (al Burgtheater), bensì a Praga (al Teatro degli Stati). Da Ponte attinse per il libretto a numerose fonti letterarie dell’epoca.

Il filosofo danese Søren Kierkegaard ha scritto un lungo saggio in cui afferma, citando Charles Gounod, che il Don Giovanni di Mozart è “un lavoro senza macchia, di ininterrotta perfezione”. Il finale, in cui Don Giovanni rifiuta di pentirsi, ha rappresentato argomentazione accattivante per filosofiche e artistiche dissertazioni di molti scrittori tra cui George Bernard Shaw, che nel Man e Superman parodiò l’opera (con esplicita menzione a Mozart per il cliente della scena finale tra il Commendatore e Don Giovanni)[1].

Il Don Giovanni è considerato uno dei massimi capolavori di Mozart, della storia della musica e della cultura occidentale in generale. In esso vi è il riflesso di tutto il genio mozartiano nei diversi stili e modalità compositive e di un Settecento musicale giunto ormai all’apice del suo fulgore e alle porte dell’ormai prossimo Romanticismo.

L’organizzazione Opera America l’ha inserita al settimo posto per frequenza di rappresentazione in Nord America[2].

I personaggi sono:

  • Don Giovanni: nobile cavaliere molto licenzioso che passa la vita a sedurre le donne (baritono, basso-baritono o basso).
  • Leporello: servitore di Don Giovanni. Trascrive le conquiste amorose del suo padrone su un catalogo (basso-baritono o basso).
  • Commendatore: il Signore di Siviglia e padre di Donna Anna; all’inizio dell’opera sarà ucciso da Don Giovanni poi tornerà sotto forma di statua per punirlo (basso o basso profondo).
  • Donna Anna: figlia del Commendatore e promessa sposa di Don Ottavio (soprano).
  • Don Ottavio: promesso sposo di Donna Anna (tenore).
  • Donna Elvira: nobile dama di Burgos abbandonata da Don Giovanni. Donna Elvira lo cerca affinché si penta delle sue malefatte (soprano o mezzosoprano).
  • Zerlina: contadina corteggiata da Don Giovanni (soprano o mezzosoprano).
  • Masetto: promesso sposo, molto geloso, di Zerlina (baritono, basso-baritono o basso).
  • Contadini e Contadine: amici di Masetto e Zerlina (coro).
  • Servi: servitori e gendarmi di Donna Anna e Don Ottavio (coro).
  • Suonatori: suonatori di Don Giovanni (coro).
  • Demoni e Diavoli: entità infernali richiamate dalla statua del Commendatore per trascinare Don Giovanni all’inferno (coro).
UNA RILETTURA DEL MITO DEL DON GIOVANNI

Lorenzo Da Ponte, ritratto.

L’impronta di Lorenzo Da Ponte, futuro poeta di corte a Vienna, si avverte in maniera sensibile in tutte e tre le opere italiane scritte per Mozart (cioè, Nozze di Figaro, Don Giovanni e Così fan tutte). Il librettista veneto lavorò con molti dei più grandi operisti italiani del tempo, tra cui Antonio Salieri. In particolare, mentre lavorava alla stesura del Don Giovanni, Da Ponte stava scrivendo contemporaneamente il libretto di Axur, re d’Ormus per Salieri (versione italiana del Tarare andato in scena pochi mesi prima a Parigi) e L’arbore di Diana per Martìn y Soler.

Da Ponte, nella collaborazione con Mozart per la stesura dell’opera, si appoggiò ad un precedente libretto di Giovanni Bertati intitolato Don Juan Tenorio, ossia Il convitato di pietra, apportandovi per altro importanti modifiche. Bertati aveva quasi certamente derivato il suo testo da un dramma in versi dell’anno 1630 del grande scrittore spagnolo Tirso de Molina, Il seduttore di Siviglia e il convitato di pietra (El burlador de Sevilla y Convidado de piedra).

Il tema di Don Juan Tenorio, ripreso dalla fantasia popolare, consentì a de Molina – che articolò il suo racconto in tre distinte giornate del burlador de Sevilla – di inaugurare quella che sarebbe stata la fortunata sorte letterario-musicale del don Giovanni. Un riferimento importante per Da Ponte e Mozart fu sicuramente anche il Don Giovanni o Il convitato di pietra di Molière.

Wolfgang Amadeus Mozart, ritratto.

In particolare, mentre le atmosfere cupe e intrise di un religioso senso di colpa sono da riferirsi al modello di Tirso de Molina, l’immagine del libertino impenitente, ateo e irriverente al punto da scherzare con le ombre dell’aldilà e sfidare persino il giudizio divino, sono assai vicine alla commedia di Molière. Tuttavia, il compiacimento un po’ crudele con cui Don Giovanni tratta le sue conquiste, è segno di una certa misoginia che non compare in Molière, e che invece è da ascrivere interamente a Mozart e Da Ponte (anche guardando in prospettiva storica la terza opera della “trilogia”, cioè il Così fan tutte).

Sia Mozart che Da Ponte erano infatti uomini di mondo. Se di Mozart, nel celebre film Amadeus diretto da Milos Forman su una sceneggiatura di Peter Shaffer, ci viene data l’immagine, in modo piuttosto distorto, di un grande artista che, però, tra una sonata e l’altra al clavicembalo, durante i banchetti si nascondeva sotto ai tavoli in compagnia di avvenenti fanciulle, Da Ponte non fu da meno: si narra, infatti, che durante le intere giornate passate davanti ad una scrivania tenesse vicino a sé un campanello per chiamare una servetta sedicenne che gli facesse compagnia.

Certo, per parlare del Don Giovanni non si può far riferimento solo a questi episodi che hanno un po’ l’aria di una caricatura assai troppo marcata, ma la baldanzosità e l’allegria di Mozart da una parte, e quanto sappiamo della vita del libertino Da Ponte dall’altra, si rispecchia pienamente nella figura del celebre gentiluomo spagnolo, il cui unico obiettivo nella vita era quello di sedurre tutte le donne che gli si presentavano a tiro.

Annunci

Azioni

Informazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: